• Fiori d'Acciaio

Hkikomori: a cosa devono far attenzione i genitori?

Nel tempo l'Associazione Fiori d'Acciaio ha incontrato diversi ragazzi in Hikikomori. Ciascuna situazione ha mostrato avere caratteristiche proprie, ci sono però alcune cose che abbiamo notato essere presenti in modo trasversale in tutte le storie che abbiamo conosciuto e crediamo sia importante segnalare questi elementi ai genitori in modo che possano cogliere precocemente dei segnali importanti.

In questo ambito, come in molti altri, la tempestività con cui un genitore coglie dei segnali di malessere nel proprio figlio per poi rivolgersi ad un professionista può davvero fare la differenza.

Poter intervenire infatti quando i ragazzi mostrano i primi segnali di chiusura piuttosto che dopo anni di isolamento permette di evitare sofferenza nel ragazzo stesso e nella famiglia, oltre che dare la possibilità al professionista e al ragazzo con cui andrà a lavorare di affrontare dinamiche psicologiche maggiormente malleabili.





Ecco quindi alcune cose a cui i genitori possono fare attenzione per decidere tempestivamente di rivolgersi ad un professionista:

  • Osservate la qualità delle relazioni e delle interazioni che i ragazzi hanno fuori dal contesto famigliare. Spesso infatti i ragazzi in Hikikomori, anche da piccoli, non mostrano uno spiccato interesse per attività e relazioni fuori dal contesto famigliare. Sono bimbi e ragazzi che non chiedono mai di partecipare a piccoli o grandi eventi sociali come feste o attività con amici. Può mancare anche dai racconti la presenza di un amico speciale o una persona adulta a cui sono particolarmente legati o con cui fanno una buona esperienza di relazione.

  • Le relazioni on line. I ragazzi possono essere molto coinvolti in relazioni on line a scapito di rapporti con persone che possono incontrare nel quotidiano o dal vivo.

  • Il divertimento è solo in rete. Si assiste spesso ad una importante preferenza per attività di gioco o svago on line a scapito di attività praticate in presenza, o con l'utilizzo attivo del proprio corpo.

  • La scuola è un problema. La carriera scolastico spesso è segnata da importanti difficoltà pur essendo solitamente ragazzi dalla spiccata intelligenza e che in alcuni momenti possono raggiungere risultati più che soddisfacenti. Si riscontra spesso nelle storie di ragazzi Hikikomori anche cambi di scuola o abbandoni nella frequenza delle lezioni.

  • Giorno e notte si confondono. L'inversione dei ritmi sonno-veglia mette spesso questi ragazzi nella condizione di vivere quando il resto della famiglia dorme e vice versa, creando un importante distacco dalla famiglia stessa, dalle attività e dalle relazioni con genitori e fratelli.

E' possibile che dei segnali di questo tipo possano essere emersi recentemente come frutto dell'esperienza di lockdown. E' importante, in questo caso, valutare quanto i ragazzi vivano la mancanza delle vecchie modalità di relazione e interazione.

Il grande rischio in questo periodo è che ragazzi con pregresse tendenze al ritiro possano sperimentare una sorta di "comodità" trovando il distanziamento sociale e l'interruzione delle attività scolastiche ed extrascolastiche dal vivo, conforme alle proprie caratteristiche. Questo potrebbe rendere molto complicato il ritorno alla vita sociale o addirittura potrebbe favorire lo sviluppo di un ritiro sociale più importante.

92 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti