• Fiori d'Acciaio

I Disturbi dello Spettro Autistico in Adolescenza

Aggiornato il: ott 6


L'Associazione Fiori d'Acciaio da diverso tempo propone servizi e progetti rivolti a ragazzi con Disturbo dello Spettro Autistico in Adolescenza. Proviamo a definire meglio i presupposti del lavoro che svolgiamo con i ragazzi in questo particolare momento di vita.


Disturbi dello Spettro Autistico, cosa sono


Secondo il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5; APA, 2013) i Disturbi dello Spettro Autistico (Autism Spectrum Disorders- ASD) rientrano nei disturbi del neurosviluppo.

Si caratterizzano per la presenza di deficit persistenti nella comunicazione e nelle interazioni sociali in molteplici contesti e con pattern di comportamento ripetitivi e stereotipati.


Proviamo a descrivere meglio queste aree


Il livello di gravità dipende dalla compromissione delle aree definite qui di seguito.


1. Area della comunicazione e dell'interazione sociale. Si riscontrano:

- deficit della reciprocità socio-emotiva;

- deficit dei comportamenti comunicativi non verbali per l'interazione sociale. La comunicazione verbale e non verbale risulta scarsamente integrata. Si notano anomalie del contatto visivo e del linguaggio del corpo, si evidenziano deficit della comprensione e dell'uso dei gesti e una compromissione nell'espressività facciale;

- deficit dello sviluppo, della gestione e della comprensione delle relazioni. Si riscontrano difficoltà nel gioco simbolico e nella capacità di sviluppare, mantenere e comprendere le relazioni e le amicizie.


2. Pattern di comportamento, interessi o attività ristretti e ripetitivi. Si notano:

- movimenti, uso degli oggetti o eloquio stereotipati o ripetitivi. Stereotipie motorie semplici come l'utilizzo incongruo dell'oggetto, ecolalia, frasi idiosincratiche;

- aderenza alla routine priva di flessibilità. I ragazzi provano disagio davanti a piccoli cambiamenti, presentano schemi di pensiero rigidi, saluti rituali e selettività alimentare;

- gli interessi sono molto limitati e anomali per intensità o profondità. Si notano interessi eccessivamente circoscritti per persone o cose;

- iper o iporeattività in risposta a stimoli sensoriali, interessi insoliti verso aspetti sensoriali dell'ambiente. Possono presentare avversione nei confronti di suoni o consistenze tattili specifiche. Possono mostrare la tendenza ad annusare o toccare oggetti in modo eccessivo o risultano affascinati da luci o da movimenti.


Questi deficit si presentano generalmente nelle prime fasi dello sviluppo.


Causano una compromissione clinicamente significativa del funzionamento in ambito sociale, lavorativo o in altre aree importanti.


Tali alterazioni non sono necessariamente spiegate dalla presenza di una disabilità intellettiva pur essendo spesso ad essa accompagnati.


Quali trattamenti?


Gli approcci utilizzati nel trattamento dei Disturbi dello Spettro Autistico sono diversi e comprendono:

- trattamenti centrati sul corpo,

- su emozioni e sensazioni,

- sull'educazione,

- sulle abilità individuali,

- trattamenti volti a ridurre la sintomatologia,

- interventi di sostegno alla genitorialità e all'intero nucleo famigliare.


Data la possibilità di fare Diagnosi di Autismo già nei primi anni di vita, i trattamenti sono volti prevalentemente alla presa in carico del bambino e della famiglia.


Cosa succede in adolescenza?


Rispetto all'adolescenza e all'età adulta assistiamo invece ad un "vuoto sanitario".

Le famiglie sono spesso costrette a circondarsi di figure professionali, più o meno specializzate, che vanno però ad intervenire su aree specifiche della vita del ragazzo lavorando in modo circoscritto e non integrato.


Nello specifico, figure come l'insegnante di sostegno, la baby-sitter, l'educatore, l'istruttore di sport sono certamente importanti ma non possono sostituire l'approccio psicologico all'intervento. Uno psicologo formato per supportare l’adolescente e la sua famiglia, oltre a lavorare specificatamente su questioni psicologiche, fa da raccordo tra i diversi ambiti della vita del ragazzo. Soprattutto in adolescenza l'intervento terapeutico deve sostenere infatti l’individuazione e la costruzione di una propria identità all’interno della società e dei contesti in cui il ragazzo vive.


Il Compagno Adulto per Adolescenti con Disturbo dello Spettro Autistico


L'Associazione Fiori d'Acciaio, mediante la figura del Compagno Adulto per ragazzi con Disturbo delle Spettro Autistico, si propone di seguire l'adolescente e il giovane adulto intervenendo su diverse aree di sviluppo. L'obiettivo è lavorare su:

- autonomie personali,

- vissuto emotivo

- e sull'esperienza relazionale e sociale (anche all'interno del gruppo dei pari).


Ovviamente, lavorare con adolescenti con Disturbo dello Spettro Autistico pone in primo piano temi e dinamiche differenti rispetto a quelle che animano il lavoro con i più piccoli.

- la condivisione e la socializzazione tra i pari,

- inserimento nella vita sociale (contesto scolastico, lavoro sull'utilizzo del denaro, confronto con l'altro),

- autonomie personali,

- le emozioni e i vissuti interni,

- l'identità corporea e l'intimità,

- l'affermazione di sè attraverso la percezione di propri bisogni,

- uno spazio di pensiero su di sè dedicato ai genitori .



Laboratorio Crescere con l'Autismo


Tra i servizi offerti da Fiori d'Acciaio troviamo un nuovo progetto dedicato ad adolescenti con Disturbo dello Spettro Autistico che serve del lavoro in piccoli gruppi. Il Laboratorio Crescere con l'Autismo è rivolto ad adolescenti dai 14 ai 18 anni e ai loro genitori e partirà ad ottobre 2020. Il Progetto prevede:

- uno spazio dedicato ai ragazzi che, in piccoli gruppi, si incontrano settimanalmente, - - uno spazio di gruppo dedicato ai genitori, con incontri mensili.


L'obiettivo dei questo progetto è sostenere i ragazzi e le loro famiglie. Il lavoro è centrato sulle dinamiche tipiche dell'adolescenza, declinate per lavorare con adolescenti con Disturbi dello Spettro Autistico. Qui tutti i dettagli relativi al Laboratorio Crescere con l'Autismo .