• Fiori d'Acciaio

Caro diario,

qualche settimana fa siamo stati contattati da delle giovani studentesse della RUFA.


Si erano messe in testa di esplorare quella strana dimensione parallela che sa di fantasmagorico: "La Salute Mentale in Adolescenza".


- In bocca al lupo!- abbiamo pensato all'inizio. E' difficilissimo parlare di sofferenza e di difficoltà emotive o di comportamenti a rischio senza banalizzare. Si corre spesso il rischio di trovare il male in qualche nuovo fenomeno di moda o di vedere solo il peggio della vita che i ragazzi hanno on line perdendo di vista le cose importanti da capire.


Per lavorare su questo progetto avevano una serie di quesiti e riflessioni da affidare a chi opera in questo ambito. Non ci siamo tirati indietro.


Abbiamo dato spazio al confronto e, caro diario, detto tra noi è stato divertente.


Nelle nostre chiacchierate abbiamo parlato di come gli adolescenti siano riusciti a venir fuori da questa pandemia, facendo del loro meglio ma non senza difficoltà. Abbiamo discusso della DAD, degli effetti dell'isolamento forzato e della loro vita on line. Ci siamo soffermati tanto sulla difficoltà dei grandi nel dare senso al malessere dei ragazzi.


L'attenzione poi di queste studentesse si è spostata su una dimensione che angoscia sempre molto i genitori con figli adolescenti. Quello spazio fatto di silenzi, di cose difficili da dire, impossibili da farsi raccontare.

Si tratta di quel luogo della relazione in cui spesso si insinua il timore che il legame con i propri figli possa non aver retto alla loro adolescenza, all'influenza delle cattive compagnie, al peso delle esperienze pericolose, alle bugie e a tutti i "niente" che si ricevono come risposta alla domanda "cosa hai fatto oggi?".


Da questo progetto sono nati una pagina Instagram dedicata ai ragazzi, un sito internet e una pagina Facebook dal nome Caro Genitore. Qualcuno potrebbe addirittura aver trovato per le strade di Roma dei diari a cui alcuni adolescenti hanno affidato i propri pensieri.


Ci hanno promesso anche dei bellissimi adesivi con su scritto "Oggi sto una merda!". L'idea ovviamente ci è subito piaciuta. Ci è sembrata in linea con la spontaneità che i ragazzi ci regalano quando iniziano a raccontarci come stanno davvero!


Caro Diario ora andiamo, abbiamo i progetti del prossimo anno da organizzare. Alla prossima.


Fiori d'Acciaio









42 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti